Come Fare Semifreddo alle Fragole

Con questa ricetta preparerete un dessert ideale per concludere in bellezza una cena. Il semifreddo fu inventato nel 500 da un macellaio appassionato di cucina, che lavorava a Firenze alla corte di Caterina de’ Medici. E’ una ricetta facile che richiede solo 20 minuti.

Occorrente
Fragole
Zucchero
Albumi
Panna
Vino bianco

Le dosi per preparare fare questo buonissimo dolce sono per sei persone. A questo punto non ti resta che comprare circa 350 grammi di fragole. Dopo averle lavate sotto l’acqua corrente, tagliale a meta’ e mettile in un pentolino per cucinarle versando anche 30 grammi di vino bianco e 125 grammi di zucchero.

A questo punto prendi due uova e monta gli albumi in una ciotola e 200 gr. panna in un’altra ciotola. Poi, incorpora nelle fragole che hai precedentemente frullato prima gli albumi e poi la panna. Amalgama molto bene il composto così ottenuto e versa il tutto in uno stampo possibilmente rotondo o a seconda della forma che vuoi dare alla torta.

A questo punto hai finito la preparazione del dolce, devi solo metterlo nel congelatore e conservarlo li per circa tre ore. Passato il tempo, sforma il semifreddo nel piatto da portata e decoralo con la panna e le fragole che ti sono avanzate. Ora non ti resta che portare in tavola questo dolce fatto con le tue mani.

Come Fare Sapone in Casa

La fabbricazione del sapone è un’arte molto antica che risale a parecchi secoli prima della nascita di cristo. Grazie ad alcuni consigli che troverai in questa guida potrai tentare di fabbricarlo a casa con semplici prodotti di uso quotidiano. Mettiamoci al lavoro.

Esistono due metodi fondamentali per la fabbricazione del sapone: a caldo e a freddo. In questa guida ti illustrerò il metodo a freddo che è il più semplice ed immediato. Per ottenere un buon risultato è molto importante misurare con estrema precisione gli ingredienti, poichè anche il minimo errore può provocare esiti negativi.

Il luogo ottimale per la preparazione del sapone è la cucina; rivesti il piano con vecchi giornali e munisciti di mascherina e guanti. Indossali. A questo punto misura con precisione in una tazza la soda caustica e in una caraffa di pirex l’acqua (con assoluta precisione). Inizia a versare lentamente la soda caustica nell’acqua mescolando, in modo che si sciolga lentamente. Attento perchè la temperatura dell’acqua raggiungerà 80 gradi. Finito questo passaggio riponi la caraffa con la soluzione in un luogo a parte in modo che si raffreddi. Coprila con un telo.

Metti una pentola di acciaio sulla bilancia e pesaci dentro l’olio con precisione. Poni la pentola sul fornello ed inizia a scaldarla a fuoco molto basso, mescolando di tanto in tanto. L’olio non dovrà raggiungere una temperatura molto elevata. Quando sia la soda caustica che il grasso (ovvero l’olio) avranno raggiunto entrambi 45°C, allora versa l’NaOH nell’olio lentamente, mescolando con un cucchiaio di legno.

A questo punto ti occorrerà il frullatore ad immersione. Azionalo e inizia a frullare la miscela di grasso e NaOH nella pentola. Mentre effettuerai questo passaggio il sapone cambierà colore e consistenza, diventando molto più cremoso. Dopo qualche minuto togli il frullatore e lasciando colare il liquido noterai che dopo essere rimasto a galleggiare per qualche secondo affonderà. Versa quindi la soluzione negli stampini e ricoprili con un telo, in modo che siano caldi.

Il tuo sapone è quasi pronto! Non ti resterà che attendere 48 ore. Passato questo periodo di tempo potrai sformare il sapone e lasciarlo riposare in un luogo asciutto e fresco all’aria per un paio di settimane. E’ giunto il momento di utilizzare il sapone all’olio di oliva che hai appena preparato.

Come Fare il Sanbo con la Carta

In questa guida ti insegno come fare il sanbo con l’origami. Questo recipiente giapponese per le offerte è uno dei modelli preferiti dai bambini. Può essere usato con grande effetto come decorazione da tavola, per contenere bomboniere e caramelle. Usa un quadrato di carta piuttosto robusta.

Inizia con la piega blintz, piega il foglio a metà diagonalmente, unendo gli angoli opposti. Dispiega, gira il foglio in modo che la piega che hai fatto sia verticale rispetto a te, poi piega ancora a metà, dal basso in alto. Dispiega ancora una volta. Piega attentamente ciascuno dei 4 angoli esterni a turno verso il centro. Non dovrebbe esserci sovrapposizione con nessuno dei nuovi angoli formati e tutti i bordi grezzi dovrebbero correre regolarmente fianco a fianco verso il centro.

Forma una base preliminare, trattando la forma come un quadrato regolare. I risvolti piegati a blintz devono essere all’esterno, in modo che il risultato sarà che la base preliminare avrà i bordi adiacenti che corrono dall’alto in basso sulle facce esterne. Le punte aperte dovrebbero essere in alto. Metti le dita dentro una delle tasche create da questi bordi adiacenti.

Quindi apri questa zona, tirando in lato superiore singolo del foglio in basso verso di te, scavando e appiattendo il foglio, creando una forma rettangolare. Ripeti sulla facciata opposta. Appiattisci il modello. Ci sono due risvolti principali su entrambi i lati della linea centrale. Piega il grande risvolto più in alto da destra a sinistra.

Ripeti questo movimento sulla facciata opposta, di nuovo piegando da destra a sinistra. Ci dovrebbero essere ora due risvolti principali per ogni lato e il modello dovrebbe apparire uguale su ambo i lati. Sul solo strato superiore, piega i due lati esterni verso il centro. Piega in basso la punta in alto verso di te in modo che incontri il bordo inferiore.

Ripeti questi passaggi sul lato opposto. Adesso prendi i due risvolti “ala” piegati nel passaggio precedente e tira, aprendo così il sanbo. Continua a modellare il sanbo usando le dita per scavarlo e pizzica per dare la forma quadrata al tuo modello finale. Ed ecco pronto il famoso contenitore giapponese.

Come Fare Salame di Cioccolato

Questo fantastico dolce freddo è perfetto per essere offerto agli amici. Semplice da preparare è buono anche la mattina con il latte o, perché no, accompagnato da un bicchiere di fresca crema di whiskey. Credimi se ci sono riuscita io… puoi farcela certamente.

Occorrente
Biscotti semplici tipo oro saiwa
Cacao amaro
2 tuorli d’uovo
Liquore amaro
Zucchero
Latte

Versare in una terrina i tuorli d’uovo, due cucchiaini di zucchero e due bicchieri di latte. Mescolare con cura fino ad ottenere un liquido omogeneo, fin quando cioè lo zucchero non sarà disciolto. Frantumare i biscotti riducendone una parte polvere e un’altra in pezzi non troppo grandi e lasciateli in una terrina.

Aggiungete ai biscotti il cacao amaro aiutandosi con un cucchiaio e se possibile con un setaccio per evitare grumi nel prossimo passo. Dovrete poi aggiungere il liquore amaro, per questo affidatevi ai vostri gusti in fatto di alcool, ma non esagerate! La misura media sarebbe un cucchiaio. Mescolate l’impasto così ottenuto.

Ora unite i due preparati, quello iniziale formato da tuorlo, zucchero e latte ed il secondo composto da biscotti, cacao e liquore, e impastateli con energia fino ad ottenere un unico composto omogeneo. Stendetelo su di un pezzo di carta argentata e avvolgetecelo dentro dandogli la forma di un cilindro schiacchiato.

Mettete il vostro salame di cioccolato nel frigorifero (non in congelatore) per circa tre ore. Quando sarà pronto per essere servito, comunque, assumerà una consistenza maggiore tanto da poter essere tagliato a rondelle con un normale coltello da cucina. Ed è proprio così che si serve: tagliato a fettine.

Come Fare Solitario a Piramide con le Carte

Se quando sei a casa da sola non sai mai come passare il tempo in modo divertente, che non sia sempre un film in televisione o un gioco al computer, ecco per te un nuovo solitario. Basta solo un mazzo di carte e vedrai che riuscirai a passare una bella giornata

Prendi un mazzo di carte da quaranta, tipo quelle napoletane o piacentine, e mettiti a sedere attorno a un tavolo su cui dovrai disporre tutte le carte. A questo punto forma con esse una vera e propria piramide piana: metti una carta come apice del solitario, poi di seguito due, tre, quattro e così via.

Le carte che stai disponendo sul tavolo dovranno coprire almeno la metà delle carte che avrai già appoggiato sul tavolo. La piramide dovrà avere sette ‘piani’. Le carte devono essere coperte mentre l’ultimo piano dovrà essere a carte scoperte. In mano ti resterà il resto del mazzo che ti servirà per giocare.

Il gioco consiste nel riuscire a sommare le carte dando come risultato 10. Non potrai sommare più di due carte. Il re vale dieci da se. Dovrai cercare di prendere più carte possibile dalla piramide, iniziando da quelle scoperte. Appena una delle carte coperte sarà libera dalle altre che hai tolto, puoi girarla e utilizzarla per fare 10.

Quando nessuna carta scoperta ti servirà per fare dieci, potrai utilizzare le carte che erano rimaste dal mazzo iniziale. Lo scopo del gioco è quello di liberare tutto il tavolo e quindi di finire anche le carte che hai in mano. Se non riesci a finire il solitario, conta quante carte ti sono rimaste: ad esempio sono 7? A questo punto conta a quale lettera dell’alfabeto corrisponde al numero 7. E’ la G. Ti penserà sicuramente una persona il cui nome inizia con quella lettera.