Come Pulire le Posate d’Argento

Può succedere di aver in casa o di trovare nei mercatini delle vecchie posate d’argento: singoli pezzi o anche servizi completi. E’ facile però che queste posate mostrino con troppa evidenza il segno del tempo e dell’usura: oltre allo sporco e all’ossidazione, macchie di ruggine sulle lame. In questa guida ti spiegherò come intervenire sulle parti in argento delle posate, eliminando l’ossidazione.

Occorrente
Acetone
Diluente nitro
soda
bicarbonato
ammoniaca
Pennello a pelo corto e rigido
Bianco di Spagna
Pinzetta
Cotone idrofilo
Guanti di gomma
1 rotolo di carta
1 panno morbido
Filo di refe
1 vaschetta con coperchio

Inizia dunque con la pulizia delle parti in argento delle forchette, dei cucchiai e dei manici dei coltelli. La prima operazione che devi compiere è quella di spolverare accuratamente il singolo pezzo. Poi gli devi passare l’acetone puro distribuendolo con un pennello a pelo corto e rigido, esercitando una leggera pressione e compiendo un movimento rotatorio.

Così facendo, riuscirai a fare entrare meglio il solvente in tutte le pieghe del decoro. Adesso, per rimuovere lo sporco e il grasso dalla superficie delle posate, devi passare l’acetone con un batuffolo di cotone; in questo modo potrai asportare meglio lo sporco. Se quest’ultimo dovesse essere molto resistente, dovrai utilizzare l’ammoniaca, distribuendola con il pennello. Se l’argento è annerito, invece, è possibile seguire questa guida su Casalingaperfetta.com.

A differenza dell’acetone, l’ammoniaca toglie anche le ossidazioni leggere. Dovrai poi ripassare con un batuffolo di cotone idrofilo e infine devi sciacquare la posata con acetone. Successivamente devi trattare la posata con un buon prodotto di pulizia dell’argento, in modo da togliere le ossidazioni e restituire al metallo la sua lucentezza originaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *