Come Preparare Frittura di Totani

Il totano è un mollusco che spesso viene scambiato per il calamaro. Le differenze sono però evidenti a cominciare dal colore che nel totano è rosa violaceo mentre il calamaro è bianco, e, come seconda cosa, le pinne che nel totano sono posizionate nella parte posteriore della sacca e di forma triangolare. In questa guida ti illustrerò come cucinarli fritti bada però di acquistarli piccoli in quanto le carni risulteranno molto più tenere e adatte a questo tipo di cottura.

Occorrente
600 gr. di totanetti
100 gr. di farina di semola di grano duro
Fettine di limone
1 l di olio di semi di soia

Pulisci i totani: stacca la testa ed estrai gli intestini. Togli l’osso che noterai perché si presenta come una lunga spina elastica e trasparente. Poi lavali molto bene sotto acqua corrente per asportare fango e sabbia sia dalla sacca che dai tentacoli. Taglia a rondelle le sacche e lascia intero il gruppo dei tentacoli.

Metti a scolare molto bene per un paio d’ore in uno scolapasta: per il fritto è molto importante che ci siano meno residui di acqua possibili, altrimenti durante la cottura potresti rimanere vittima di schizzi d’olio poco piacevoli.

Infarina bene i totani tagliati e ben asciutti nella farina di semola di grano duro. Per friggere procurati una pentola antiaderente con i bordi alti, metti abbondante olio di semi di soia e fallo scaldare a fuoco medio alto.
Procurati anche una retina che serve da paraschizzi per l’olio ed una paletta forata o una pinza per estrarre il pesce dalla pentola.

Quando l’olio è caldo, comincia a friggere pochi totanetti per volta in modo che siano completamente immersi nell’olio e lasciali cuocere per pochissimi minuti. Mettili a scolare su di una carta assorbente per togliere l’eccesso di unto.

Prepara intanto il piatto di portata con nuova carta assorbente e adagiavi i totanetti. Salali e guarnisci con fettine di limone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *