Come Allenare gli Addominali Bassi in Casa

Gli addominali bassi sono i più difficili da definire, se per quelli alti e quelli obliqui bastano pochi esercizi per quelli bassi oltre a tanta attività fisica è molto utile mantenere uno stile corretto.

In un’altra guida abbiamo già descritto gli esercizi utili per aver la famigerata tartaruga, oggi andremo nel dettaglio a vedere quali sono le tecniche migliori per un fisico perfetto. Ci sono due tipologie di esercizi per gli addominali bassi, la prima consente di esercitarsi da soli mentre la seconda necessita di un compagno; ora vediamo insieme quali sono gli esercizi che potrete far da soli.

Stendete un materassino per terra o utilizzate una panca. Se non si dispone dello strumento è possibile vedere questa guida sulla panca per addominali.
Sdraiatevi sopra poggiando a terra gli avambracci e non la schiena
Ora alzate entrambe le gambe fino all’altezza della vostra test
Estendete i piedi spingendo le punte in direzione opposta della vostra testa – Ora portate un ginocchio alla volta verso la vostra stessa testa, alternate le gambe
La serie termina quando avrete piegato e disteso ogni gamba almeno 12 volte
l termine tenete le gambe distese ferme all’altezza della testa per 12 secondi

Ora potete procedere con l’esercizio di coppia per gli addominali bassi
Mettete un materassino per terra
Sdraiatevi sopra appoggiando completamente la schiena su di esso
Alzate le gambe perpendicolarmente al terreno
Il vostro aiutante posizionato alle vostre spalle dovrà afferrare entrambe le caviglie e dovrà scagliare le vostre gambe verso il terreno
Tenendo sempre le gambe unite e tese dovrete cercar di non toccare il materassino con i talloni facendo forza sugli addominali bassi
Effettuate almeno 3 serie da 12 ripetizioni.

Questi sono due semplici esercizi per sviluppare al meglio gli addominali bassi, dovrete avere costanza nello svolgerli ed effettuandoli una volta a settimana non avrete nessun risultato. Oltre all’attività fisica dovrete anche tenere uno stile di vita sano, avere una dieta equilibrata e soprattutto non bere molte bevande gassate.

Fare Attività Fisica – Consigli Utili

Non tutte le attività fisiche, lo dicevamo nel post precedente, sono adatte a tutti. Se siamo nell’ottica di fare sport perché ci piace anche migliorare la qualità della nostra quotidianità dovremmo avere un’idea chiara sulle qualità fisiche. Vediamo le più importanti, con particolare attenzione a quelle che possono influenzare direttamente l’efficienza e la qualità della vita, tanto nei ragazzi che negli anziani.

Una qualità molto importante è la capacità di muovere le articolazioni in maniera ampia e fisiologica. Questa qualità si chiama articolarietà o ampiezza articolare. Viene ridotta dall’inattività, e da quella particolare attività di contrazione muscolare che tende sempre a contrarre accorciando piuttosto che contrarre anche allungando. Si coltiva contraendo i muscoli sempre in piena corsa, dal massimo allungamento alla contrazione completa, e facendo stretching dopo l’allenamento.

È anche importante poter esprimere una respirazione fisiologica, bassa e rilassata. Ricordiamoci che la respirazione non ha come solo risultato portare ossigeno nei polmoni ed estrarne anidride carbonica… Una respirazione fisiologica è invece direttamente connessa al wellness, alla qualità della vita.

La terza qualità di cui vorrei parlare è il giusto tono dei muscoli della fascia addominale: addominali, obliqui, intercostali, lombari… e dei muscoli che stabilizzano ed orientano il bacino (aggiungiamo quindi glutei, psoas-iliaco, bicipiti femorali…). Se questi muscoli sono tonici e in buon equilibrio tra loro (senza che uno tiri più o meno degli altri, per farla semplice) molte funzioni vitali saranno più efficienti, ed anche la schiena sarà tutelata, forte e reattiva. Non dimentichiamo che glutei e bassa schiena sono considerati da molti il centro della forza dell’uomo (lo diceva ancheun certo Arnold Schwarzenegger, con buona pace di chi va in palesta e fa solo pettorali e bicipiti… 🙂

Non trascuriamo la coordinazione: soprattutto e avete una certa età, o se non siete avvezzi all’attività fisica, potrete scoprire che non riuscite a fare certi movimenti, o che non riuscite a farli bene. Dovete però sapere che attraverso la ripetizione è possibile imparare qualsiasi tipo di gesto, e che anzi una delle migliori ginnastiche per il cervello e il corpo è imparare a fare gesti nuovi o inconsueti, che all’inizio non riescono! Ogni nuovo gesto imparato apre nuove connessioni cerebrali, contrariamente all’inattività ed alla vita completamente sedentaria. Altamente consigliato!

Un’altra qualità importante è la resistenza generale, detta anche fiato o massima potenza aerobica. Contrariamente a quanto spesso si crede, la resistenza generale non è correlata ad un gesto specifico (correre, sollevare pesi, portare un sacco in spalla), ma puttosto alla generale efficienza del sistema respiratorio e cardiocircolatorio.
Quando invece pensiamo ad un gesto specifico, come la corsa, dobbiamo sempre ricordarci che anche la resistenza specifica muscolare diventa molto importante: se prendete un maratoneta e lo mettete a fare una 50 km di sci di fondo soffrirà quasi come se non avesse mai fatto sport in vita sua! Lo stesso vale per un bodybuilder o per un nuotatore. Allo stesso modo, per andar forte in bicicletta non bastano – anche fuor di metafora – cuore e polmoni (una volta si diceva, semplicisticamente, che Coppi era forte peché poteva inspirare più di cinque litri di aria per volta…): anche i meccanismi di produzione dell’energia e le reazioni biochimiche muscolari devono essere allenate a quello specifico gesto.
Possiamo quindi considerare la resistenza muscolare specifica come una ulteriore qualità.

Esercizi Facili da Fare in Casa Velocemente

Dicevamo: come fare i piegamenti delle braccia senza sforzarci troppo? Quando lo sforzo si riduce, tra l’altro, abbiamo la possibilità di fare più ripetizioni: nella maggior parte dei casi conviene fare almeno 15 ripetizioni di questi esercizi, mentre quando si è poco allenati – o si è in condizioni di particolare debolezza – può riuscire difficile farne anche solo tre o quattro.

Sostanzialmente sono tre i modi per ridurre lo sforzo in questo esercizio
accorciare il braccio di leva
ridurre l’inclinazione del braccio di leva
ridurre l’ampiezza del movimento.
Si riduce l’ampiezza del movimento quando, ad esempio, nel piegamento non si arriva a toccare col busto a terra. In questo modo, oltre a fare meno lavoro perché si fa un movimento ridotto, si utilizzano i muscoli in una posizione più favorevole. Si tratta di una soluzione che vi sconsiglio: come sanno bene i miei tre affezionati lettori, infatti, i pettorali (uno dei gruppi muscolari più coinvolti dall’esercizio) sono tra i muscoli che vanno assolutamente allenati in piena corsa esterna, sia per motivi estetici che funzionali. Un pettorale allenato prevalentemente in corsa interna, infatti, oltre ad assumere uno sgradevole aspetto “a palla”, ed apparire vuoto nel profilo ascellare, tende a portare le spalle in avanti alando le scapole. Un’ulteriore controindicazione per le signore è che il seno, in questo modo, può apparire più basso e sporgente.

Un aspetto sano ed un incedere elegante vogliono infatti il dorso piatto: quando appoggiamo la schiena ed il bacino contro un muro, ed inspiriamo, le scapole devono scomparire sotto la pelle, ed entrambe le spalle devono toccare la parete e non restare “in avanti”.

Raramente, tuttavia, le spalle restano in avanti a causa di un dismorfismo, di una deformazione perenne: di solito si tratta di un atteggiamento posturale, che ha sempre motivazioni meccaniche, estetiche e psichiche. Molte donne stanno sempre con le spalle in avanti quasi a nascondersi un po’, ma capita anche a molti uomini.

Come Preparare una Maschera per il Viso ai Frutti Di Bosco

Le maschere per il viso sono molto efficaci per tonificare la pelle e renderla maggiormente levigata e liscia. Le maschere preparate in casa, e con prodotti naturali, sono anche più efficaci e, in più, sono economiche. Segui passo dopo passo questa guida e imparerai a preparare una maschera ai frutti di bosco efficacissima, per una pelle del viso luminosa e levigata.

Occorrente
Yogurt naturale
Fragole di bosco
Ribes
Lamponi

Per prima cosa prendi 4 o 5 fragole di bosco, una manciata di ribes e una di lamponi, aggiungi un po’ di yogurt magro naturale e, con l’ aiuto di un mixer, riduci il tutto in una crema omogenea. A questo punto comincia a stendere la crema sul viso, aiutandoti con un pennello, va benissimo quello che utilizzi per il maquillage.

Comincia dalla fronte per poi continuare su tutto il viso e il collo, evitando accuratamente il contorno occhi che è molto delicato. Lascia in posa per una ventina di minuti, restando in una posizione di relax, in modo da favorirne l’assorbimento e, nello stesso tempo, il rilassamento della pelle. Trascorso il tempo necessario, elimina la maschera, aiutandoti con una spugnetta intinta in acqua tiepida.

A questo punto passa sulla pelle di viso e collo un batuffolo di ovatta intinto nel tonico. Quest’ ultimo è utile perchè elimina tutti i residui della maschera e, inoltre, ristabilisce il ph della pelle. Infine ricordati che dopo la maschera, è molto importante stendere un velo di crema idratante per restituire il giusto grado di idratazione alla pelle.

Come Pulire il Cristallo

Sarai sicuramente d’accordo con me sul fatto che la pulizia in casa è davvero importante per una buona igiene. Se deciderai di leggere la mia guida troverai dei validi consigli per poter pulire senza alcun problema qualunque tipo di oggetto di cristallo.

Se in casa hai qualsiasi tipo di oggetto di cristallo e hai deciso di pulirlo al meglio, allora in questo caso la prima cosa importante e fondamentale che dovrai assolutamente fare è quella di procurarti tutto l’occorrente di cui hai bisogno, vale a dire, uno spazzolino da tenti con setole morbide, dell’acqua, del bicarbonato di sodio.

Mi raccomando non ti dimenticare assolutamente una forchetta ed una semplice ciotolina. Detto questo, dovrai prendere la ciotolina, e successivamente dovrai creare un emulsione usando la forchetta fra l’acqua ed il bicarbonato di sodio. Dopo aver fatto questo, dovrai usare questa emulsione.

Per fare questo, ti consiglio di prendere lo spazzolino a setole morbide e successivamente lo dovrai passare sull’oggetto da pulire. Dopo avere pulito i tuoi oggetti in cristallo, li dovrai sciacquare con dell’acqua tiepida e successivamente li dovrai asciugare. Vedrai saranno brillanti grazie all’effetto pulente del bicarbonato di sodio.

Per altre soluzioni, è possibile vedere questa guida sul sito Comepulire.net, in cui sono presenti altri consigli interessanti.